Come ottimizzare gli articoli del tuo blog per Google: il copywriting

La SEO (Search Engine Optimization, un’insieme di tecniche dedicate a migliorare la propria posizione nei motori di ricerca) copywriting può essere definita come ‘l’arte’ di combinare l’ottimizzazione per i motori di ricerca (appunto SEO) con la buona scrittura. Infatti, il principale elemento di successo di un blog è quello di produrre contenuti di qualità che faciliteranno l’indicizzazione nei motori di ricerca.

Ma quali sono i passi per scrivere un articolo di successo? Vediamoli in dettaglio

SEO-copywriting

 

Titolo

Cura la lunghezza, il titolo ideale è di 65 battute.

Inserire la parola chiave all’inizio e renderlo sempre esplicativo, in modo da rendere chiaro di cosa si parlerà nell’articolo senza lasciare spazio a interpretazioni.
(Esempio titolo corretto: Zootropolis: il film Disney dove gli animali sono protagonisti’
Esempio titolo errato Zootropolis: gli animali sono protagonisti’.
In questo modo è subito specificato che cosa è ‘Zootropolis’ e non genera confusione in chi legge)

 

Link

L’utilizzo dei link aiuta il lettore ad approfondire l’argomento di cui stiamo parlando ed al tempo stesso arricchisce il valore del post. I link inseriti possono puntare, oltre che all’interno del blog anche all’esterno.

Ecco le principali indicazioni da seguire per un corretto inserimento di link in un post:

  • non esiste un numero ottimale di link, il nostro consiglio è di non eccedere i 5,
  • non linkare alla prima parola del testo,
  • i link devono essere coerenti e pertinenti al testo del post,
  • quando si fa un link ad una altra pagina, non impostare il link su tutta la frase ma linkare una o due parole al massimo,
  • quando si inserisce un link da una parola (anchor text) è preferibile che la url su cui atterro contenga la stessa keyword all’interno,
  • quando si inserisce un link esterno linkare sempre pagine pertinenti al contenuto del sito e non fuori tema,


Tag

I tag sono dei marcatori che forniscono ulteriori informazione ai motori di ricerca, vanno inseriti senza farne abuso, 4 massimo e devono essere correlati al post. Quindi no tag non pertinenti al tema trattato e, ulteriore consiglio, è quello di far sì che almeno uno dei tag sia una query ovvero formato da più parole in successione, coerenti al testo.

 

tag post


Immagini

L’inserimento di un’immagine all’interno di un post lo arricchisce e aggiunge del valore ed al tempo stesso permette di poter ricevere ulteriore traffico dai motori di ricerca (Esempio: ricerca immagini)

  • scegliere il formato giusto, non troppo grande ma nemmeno troppo piccolo, in modo da non appesantire la consultazione da smartphone e tablet
  • il titolo dell’immagine deve descrivere il contenuto del testo e non altro,
  • il titolo da dare all’immagine deve essere semplice, conciso e esplicativo.

 

Parole evidenziate in grassetto (bold)

L’utilizzo del bold (caratteri in grassetto) è utile in quanto permette a chi legge di riassumere i temi principali trattati nel post ed al tempo stesso indica al motore di ricerca quali parole sono più importanti. Non esiste un numero massimo o minimo da utilizzare, il nostro consiglio è comunque di non esagerare e di non impiegare il grassetto sulle parole a cui hai applicato un link  (link + bold = ‘urlare’) .

 

Ti è piaciuta la nostra mini guida al SEO copywriting? Allora mettila subito in pratica, i tuoi lettori stanno già aspettando il tuo prossimo post ottimizzato per i motori di ricerca 🙂

Come ottimizzare gli articoli del tuo blog per Google: il copywritingultima modifica: 2016-05-18T14:56:23+00:00da myblog.it

Questo elemento è stato repostato da

  • Avatar di creativeank

Author: myblog.it

Share This Post On

Submit a Comment